Americana #5 - "Carry the one" di Carol Anshaw

28 Febbraio 2013

A dicembre vi ho chiesto di scegliere tra una rosa di otto romanzi segnalati a partire dalla carrellata dei più degni di nota della Rivista dei libri del New York Times per il 2012. Voi avete votato e decretato il vincitore. E il vincitore è…

 

A dicembre vi ho chiesto di scegliere tra una rosa di otto romanzi segnalati a partire dalla carrellata dei più degni di nota della Rivista dei libri del New York Times per il 2012. Voi avete votato e decretato il vincitore. E il vincitore è…

Carry the one”, di Carol Anshaw. Lo ammetto, c’erano due o tre titoli per cui facevo il tifo, e sono stata quindi contentissima di vedere in vetta proprio uno di questi.

Carol Anshaw è autrice di due romanzi ma anche di racconti brevi, che per ben tre anni sono stati selezionati e inclusi nella prestigiosissima antologia The Best American Short Stories. Anche il precedente romanzo, “Acquamarine”, aveva raccolto molti consensi: raccontava la storia di un nuotatore alle soglie delle Olimpiadi e immaginava tre possibili sviluppi nel percorso della sua vita. Ad oggi forse è il suo romanzo più amato dai lettori: indovinate se è arrivato in Italia? Ma cosa lo chiedo a fare…

La consacrazione ufficiale comunque, almeno da parte della critica, è arrivata solo ora, e devo ammettere che è meritata. L’autrice tra l’altro, oltre a scrivere si dedica alla pittura, elemento che traspare in “Carry the one”, in cui due dei protagonisti principali sono pittori professionisti.

Sebbene il romanzo non si presti a essere ridotto a flash di citazioni estrapolate dal contesto, ve ne offro comunque un brevissimo stralcio, che credo porti con sé il cuore di questo bellissimo libro:

“Il senso di colpa, aveva scoperto molto presto, era la reazione più facile, la più semplice. Sopravvivere alla colpa, sopportarne la permanenza, portare il peso di aver fatto qualcosa di terribile e assolutamente irreversibile – questo è molto più complicato”.

E ora vi lascio al video con le mie impressioni di lettura. Buona visione!

A cura di Tania