Menu
Letteratura per i più piccoli #2

Letteratura per i più piccoli #2

Visto il successo della prima rubrica, siamo lieti di presentare la seconda...

Sulla cima dell'Olimpo #9 - Profumo di donna

Sulla cima dell'Olimpo #9 - Profumo…

Fin dall’antichità l’isola di Lemno si era guadagnata una fama poco lusinghiera: si d...

Spazio Interiore #3 Ricordi, sogni, riflessioni

Spazio Interiore #3 Ricordi, sogni,…

Terzo appuntamento con Spazio Interiore, la rubrica curata da Maura Gancita...

"Il giocoliere di parole" di Alberto Diamanti

"Il giocoliere di parole"…

Titolo: Il giocoliere di parole Autore: Alberto Diamanti Edizione: 2...

Il pezzo mancante - I granchi dell'editoria#10

Il pezzo mancante - I granchi dell'…

Uno dei molti problemi di noi lettori della nuova era consumistica è la mania del pos...

"Amuleto" di Roberto Bolaño

"Amuleto" di Roberto Bola…

Titolo: Amuleto Autore: Roberto Bolaño Editore: Adelphi - collana Fabula Prezzo: 1...

"Wolf Hall" sbarca in TV

"Wolf Hall" sbarca in TV

        Gli appassionati di romanzi storici di ottima qualità conosceranno senz...

"Il mio nome è rosso" di Orhan Pamuk

"Il mio nome è rosso" di …

Premio Nobel per la letteratura, storia di amore, ossessione, ambientata in una Istan...

Prev Next

Fernandel: una casa editrice si racconta

logofUna serie di domande nate  per caso ad opera di Giorgia e Federica leggendo uno dei libri inviati dalla casa editrice Fernandel di Ravenna.

La recente collaborazione tra le parti, ci spinge a conoscerci meglio e così ci ritroviamo a fare due chiacchere con Giorgio Pozzi,  il responsabile della casa editrice.

 1) Da quanti anni è nata Fernandel?

Fernandel nasce nel giugno del 1994 come rivista letteraria, fondata per dare risposta alla curiosità di sapere cosa conservassero nei loro cassetti gli aspiranti autori. Solo tre anni dopo, nel 1997, abbiamo cominciato a pubblicare libri, ampliando via via la nostra distribuzione, che nel giro di qualche anno è passata da regionale a nazionale.

2) Come ti è venuta l’idea e come ti sei formato per intraprendere questo mestiere ?

In realtà non avevo in progetto di fare l'editore, e non ho frequentato scuole particolari per formarmi: semplicemente mi ci sono trovato. Dopo qualche anno di esperienza con i testi altrui, e quando già avevamo all'attivo una rivista e una collana di libri di narrativa, ho dovuto ammettere che ero diventato un editore, soprattutto perché dell'editore avevo acquisito il modo di pensare, legato contemporaneamente alla qualità delle proposte e alla loro commerciabilità.

3) I tuoi obiettivi iniziali sono uguali a quelli attuali?

In un certo senso sì. L'obiettivo era ed è ancora quello di poter continuare a fare questo mestiere, che mi piace e in cui mi trovo a mio agio. Continuare a lavorare sui testi, continuare a sorprendersi per la scoperta di un manoscritto di cui si colgono le potenzialità, e lavorarci fino a che queste non sono emerse il più possibile. E' faticoso, ma è gratificante.

Quello che è cambiato drasticamente negli ultimi vent'anni è lo scenario nel quale l'editore opera: è cambiato il mercato. Quindi oggi non ha più senso avere le stesse aspettative, magari un po' ingenue, degli inizi...

4) Che tipo di scelte editoriali fai e come le fai? giorgio pozzi

Fernandel è prima di tutto una casa editrice di narrativa italiana. Nel tempo abbiamo provato ad allargarci alla narrativa straniera, ma con scarso successo e con costi più alti (soprattutto quelli legati alla traduzione). Poi abbiamo provato con la graphic novel, quando in Italia era ancora un settore di nicchia, ma non abbiamo investito abbastanza per costruire una riconoscibilità duratura. Abbiamo pubblicato generi diversi e stili diversi, ma alla fine il senso dell'esperienza di Fernandel è una narrativa che sappia raccontare il tempo in cui viviamo, che sappia coniugare una bella scrittura a una storia non banale. So che questa è una formula astratta, ma è l'unica che rappresenti il nostro lavoro quando abbiamo di fronte il testo di uno sconosciuto. Per un editore come me inseguire le mode e le tendenze non ha senso, significherebbe svilire quanto è stato fatto finora, alla ricerca di una più semplice commerciabilità che, fra l'altro, non è detto sia sinonimo di maggiori vendite.

5) Come è nato il logo ? C’è un chiaro rimando al mondo dell’infanzia e alle prime parole che vengono scritte da un bambino.

Non ricordo di chi sia stata l'idea, ma uno degli amici con cui all'epoca fondai la rivista aveva un nipotino, Massimiliano, che ancora non andava a scuola. Gli chiedemmo di copiare con dei pastelli a cera una grande scritta "Fernandel" tutta in maiuscolo. Massimiliano si applicò con un certo impegno, e dopo un paio di tentativi abortiti riuscì a comporre il logo che usiamo tuttora...

6) Come cerchi di far trovare spazio alle tue pubblicazioni nelle librerie per mantenere una visibilità al pari delle grandi case editrici ?

Una visibilità "al pari delle grandi case editrici" è semplicemente impossibile, perché la quantità dei libri che pubblichiamo non è paragonabile a quella dei grossi editori, e di conseguenza non lo sono i nostri fatturati. Quello che resta alla piccola editoria è una visibilità marginale, che si è andata riducendo negli anni a causa dei cambiamenti che si sono verificati sia nel mercato librario sia nella funzione del libraio. Ciò che può fare il piccolo editore è di rendersi riconoscibile, di costruire nel tempo una propria visibilità, in modo da essere ricordato dagli addetti ai lavori. Poi deve riuscire a mettere a segno qualche colpo, ogni tanto deve avere la fortuna o l'abilità di riuscire a pubblicare uno o due libri che vendano meglio degli altri.

7) Se dovessi descrivere la tua casa editrice con una canzone quale sceglieresti ?

Sceglierei My way di Frank Sinatra, ma nella versione cantata da Sid Vicious...

8) Se dovessi esprimere con una citazione libresca lo spirito che anima la casa editrice cosa citeresti?

C'è una citazione a cui sono affezionato, un po' perché è di uno scrittore che apprezzo, Cormac McCarthy, e un po' perché stava in apertura a uno dei primi libri che pubblicai, e il cui autore, Luigi Bernardi, è scomparso di recente. Dice: "Non possiamo fare a meno di nulla". Mi sembra che chiarisca il sentimento di penuria da cui tutto è partito...

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto
  1. News
  2. Editoriale
  3. Rubriche
  4. Interviste
  5. Recensioni

"Due partite…

Beatrice. Claudia. Gabriella. Sofia. Quattro donne. Gli anni Sessanta. Un salotto. E la condivisione del tempo, del gi...

Best sellers Italia …

Buona settimana con Youbookers! La Book Parade di oggi ci accompagna in Francia a curiosare tra le novità! Buona visione...

Intervista a Diego D…

In occasione della manifestazione letteraria "La Bellezza delle Parole", tenuta a Cesena, città nella quale vivo e lavor...

Il mondo di Mavros d…

Titolo: Il mondo di Mavros Autore: Alexia Bianchini Edizione: 2014 Prezzo di copertina E-book: 2,05 € Numero di pagi...

#InVacanzaConYoubook…

  Qualche consiglio letterario per augurarvi buone vacanze.  Ci vediamo a settembre! 

A cosa serve un clas…

Che cos’è un classico? Per uno studente è una poesia da imparare a memoria, da scomporre e analizzare in ogni minimo ...

Tricks or books? con…

(Articolo in collaborazione con le CREATURE DELLA NOTTE.) In questo Halloween 2013, progetti mostruosi si incontrano. I...

Philipp Meyer presen…

Philipp Meyer torna in Italia con Il Figlio edito Einaudi. Torna a distanza di anni dopo il suo “Ruggine Americana?, rom...

Carta&Pellicola …

Per capire come Ian Fleming sia riuscito a concepire l’agente segreto più celebre del mondo, basta leggere la sua biogra...

Best Sellers USA – 3…

Il New York Times stila settimanalmente l’elenco dei libri più venduti della settimana sia per la narrativa che per la s...

Best Sellers USA/Ita…

Il New York Times stila settimanalmente l’elenco dei libri più venduti della settimana sia per la narrativa che per la s...

Best sellers USA/Ita…

Il New York Times stila settimanalmente l’elenco dei libri più venduti sia per la narrativa che per la saggistica. Per ...

Youbookers intervist…

Questa sezione viene inaugurata con una preziosa intervista alla talentuosa Fantasvale. In futuro ci saranno incontri c...

Youbookers intervist…

Sara Boero, giovane scrittrice genovese, ha esordito nel mondo della letteratura italiana a soli sedici an...

Intervista a Daniela…

Daniela Frongia, 32 anni, cagliaritana, vive a Londra da tre anni. Appassionata di disegno dall’età di 4 anni, crescendo...

Youbookers incontra …

    Passare davanti a una libreria, vedere che è in programma un incontro con uno dei propri autori prefer...

Video recensione - …

Qui di seguito trovate alcune video-recensioni del romanzo "Dance dance dance" di Haruki Murakami, registrate da Libridi...

Angel - Anne Rice

"Posso vedere quegli anni con la stessa chiarezza con cui vedo questo momento. Tu passerai da tempo naturale a tempo nat...

"La vendetta de…

Qui di seguito trovate una video-recensione del romanzo "La vendetta del diavolo" di Joe Hill, registrata da Andrea Pe...

Io sono Febbraio - S…

    Titolo: Io sono Febbraio Autore: Shane Jones Prezzo di copertina: 13,50 € Numero di pagine: 176 Ed...

Seguiteci su

L'hai letto questo?

Chi siamo

I più letti

I più recenti