Menu
L'angolo di Sara #19 - Quando il libro si fa arredamento

L'angolo di Sara #19 - Quando il li…

Tutti noi amanti dei libri sappiamo apprezzare la bellezza dei volumi e immaginare le...

Speciale #SalTo13: Di coloro che cantano una lingua di terra

Speciale #SalTo13: Di coloro che ca…

          “Per capire il Cile con il cuore bisogna leggere Neruda?.       ...

Il mio libro: una comunità di lettori - Resistenza dell’Indipendenza #1

Il mio libro: una comunità di letto…

Secondo le più recenti statistiche promosse dall’AIE (Associazione Italiana Editori),...

Il libraio consiglia #3

Il libraio consiglia #3

Terzo appuntamento con "Il libraio consiglia", rubrica condotta dalle libra...

La storia fra le pagine # 5 - "Il patto dei lupi" di Pierre Pélot

La storia fra le pagine # 5 - …

In questo quinto appuntamento della sua rubrica TheCelticMorrigan ci parla ...

"Il Figlio" di Philipp Meyer

"Il Figlio" di Philipp Me…

Titolo: Il Figlio Autore: Philipp Meyer Editore: Einaudi Prezzo:&nb...

Shining luccica ancora

Shining luccica ancora

È ufficiale: il sito del Re dell’horror ha confermato che il 24 settembre 2013 usci...

Prev Next

Marina Bellezza di Silvia Avallone

  • Scritto da 

marina-bellezza-680x1024TITOLO: Marina Bellezza

AUTORE: Silvia Avallone

CASA EDITRICE: Rizzoli

PAGINE: 509

PREZZO: cartaceo 18,50 euro, ebook 9,99 euro

ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2013

TRAMA

Marina Bellezza, ventidue anni, nata e cresciuta nel biellese. Sogna di diventare famosa. Sogna di “farcela? e di spiccare come è sempre riuscita a fare, guadagnando consenso, successo e la vita fatta di pailettes e lustrini che da sempre ammira alla tv. Sogna di potercela fare, di dimostrare alla sua famiglia ormai ridotta a pezzettini minuscoli, che lei può essere all'altezza: meglio di loro. Nel sistema vuole esserci e troneggiare, perchè lei non sguazza, lei domina. Lei.

Andrea Caucino, 27 anni, nato e cresciuto nel biellese. Sogna di recuperare la cascina del nonno malgaro (allevatore di mucche e commerciante di prodotti caseari) per poter riprendere il suo antico mestiere. Partendo dalle radici del mondo, laddove il mondo pare non avere radici e camminare in equilibrio sulla sola parola -crisi- che annienta ogni desiderio di riscatto. Sogna di potercela fare, di dimostrare alla sua ricca famiglia, da sempre orgogliosamente adorante per il figlio “bravo? -il fratello Ermanno- che lui può essere all'altezza: meglio di loro. Dal sistema vuole fuggire, perchè lui non sguazza, lui esce dal gioco. Lui.

Marina e Andrea, due rette parallele, se non fosse per quella parola -“sogno?- che li accomuna. Marina e Andrea che si prendono, si amano, si lasciano con violenza. Non si rivedono per tre anni e poi si ritrovano faccia a faccia. Bum. E la storia inizia qui.

RECENSIONE

Non mi meraviglia che il titolo scelto per questo libro non sia “Andrea e Marina? oppure “Amore a Biella? (che sa pure tanto di cinepanettone), ma “Marina Bellezza?. Ho sorriso alla fine pensando: “Pure il titolo del libro è riuscita a prendersi?. Ma andiamo con ordine.

Partiamo dal presupposto che questa è una storia d'amore. Questo va detto, tanto per essere chiari. E' una storia d'amore con tutti particolari del caso: si mollano, si ripigliano, si amano e si rimollano e si ripigliano e poi si amano e poi... Non ve lo dico ovviamente. Ciò che colpisce innanzitutto in questa universalissima storia d'amore è l'INTENSITA' con la quale essa viene vissuta. La Avallone ha avuto la capacità di riportarmi a comprendere quanto siano violente, nel bene e nel male, le sensazioni che provoca l'appartenenza totale e totalizzante a una persona. Marina ha una personalità difficile, a volte odiosa potrei dire. E' la classica aspirante star della tv che pare contenere il mondo tra le mani o sotto i piedi, talmente abituata a dover arrivare a tutti i costi che rischia di volersi comportare allo stesso modo anche nelle relazioni umane. Andrea è un selvatico mai addomesticato che nell'età in cui tutto sembra possibile si innamora di Marina tredicenne e si ritrova a riamarla da ventiduenne, cresciuta nel corpo, inasprita negli atteggiamenti. Marina è un uragano che prende e travolge tutto e tutti, tranne il padre e la madre.

Più volte durante la lettura del libro mi è venuta in mente una strofa di una famosa canzone di Lorenzo Jovanotti pensando alla relazione tra Marina e Andrea:

“A te che io ti ho visto piangere nella mia mano,

fragile che potevo ucciderti stringendoti un po'.

E poi ti ho vista con la forza di un aereoplano

prendere in mano la tua vita e trascinarla in salvo?.

Mi è piaciuto pensare ad Andrea come l'unico in grado di poter domare Marina, di poterla tenere nella sua mano. Mi è piaciuto pensare a Marina come l'unica in grado di poter addolcire il volto di Andrea, farlo brillare di luce. Essere la sua personalissima star. Non voglio essere retorica nel dirvi che questi rapporti così intensi sono di una violenza e rarità unica e spesso così estremi nelle loro esternazioni da far rimanere “gli altri? stupefatti. Sì, perchè Marina e Andrea sono esuberanti nel loro amore, capaci di scelte avventate, di gesti eclatanti. L'intensità è la caratteristica di questa storia d'amore che me l'ha fatta apprezzare, mi ha aggrappata ai personaggi e me li ha fatti entrare dentro.

La storia si caratterizza anche per un altro grande tema che ho accennato all'inizio della mia recensione: il SOGNO. Penso sia l'unica cosa in comune, davvero in comune, tra Marina e Andrea (oltre all'amore). Marina ha un sogno che la accomuna penso a una buona fetta di ragazze italiane. E' un sogno che nasce fin da piccola, quello di essere guardata e ammirata, dalle troppe volte in cui Marina non si è sentita sufficientemente presa in considerazione dai genitori troppo assenti. E' il sogno però tipico dei nostri giorni e la Avallone ci mostra anche il lato B del mondo di lustrini, un'arena dove vince il più forte, dove il lupo deve ringhiare per guadagnarsi un minuto di notorietà anche nelle più squallide tv locali. Il sogno di Andrea invece guarda indietro, alla vita semplice e dura degli allevatori di montagna, una sfida alle convenzioni e alle previsioni che vogliono i giovani disoccupati/co.co.pro/centralinisti, un ritorno alla vera essenza del lavoro che si genera e vive di sé stesso. Entrambi i sogni dei due ragazzi sono descritti dall'autrice in modo attento a sottolinearne le sfumature, le caratteristiche che al di là del sogno fanno diventare quel determinato mestiere un “fatto? sulla carta oltre che sul cuore.

Sono poi i LEGAMI un altro elemento caratterizzante di questo libro. Famiglie disastrate in un caso, disattente nell'altro. Un fratello che ti ruba anche la data di compleanno, oltre che l'amore dei genitori. Sono tutti elementi sufficienti per non avere fiducia nei legami. Eppure Silvia Avallone ci dimostra che esistono legami “altri?, costruiti sul filo dell'empatia, dell'amore violento, della fraterna amicizia, che a volte possono far commuovere chi, come Marina e Andrea, non è stato mai preso in considerazione nell'ambiente che dovrebbe essere il più confortevole possibile, la famiglia. Ecco che la famiglia si disintegra, ma con il suo disintegrarsi non si disintegrano i valori, pur davanti all'umiliazione più dura.

"L'eroe parte sempre in svantaggio, altrimenti che eroe è?" è una delle frasi che io definirei “chiave? in questa storia. Marina e Andrea rappresentano due modi diversi di essere eroe nella provincia italiana di , nell'era di Facebook e della fretta. Partono in svantaggio e non solo: sono pure fragili, di porcellana. Ma rompendosi più volte, pezzetto dopo pezzetto, grazie al legame che li lega, ai legami che hanno, riescono a ripararsi. 

La famiglia disintegrata, le promesse al vento di genitori assenti, la difficoltà del lavoro sono temi che ho trovato anche in “Acciaio? e con piacere ritrovo qui, trattati con la solita attenta dovizia da parte dell'autrice.

Una merito speciale va anche all'AMBIENTAZIONE, alla città, ai paesi e paesaggi che fanno da sfondo a questo libro. Finita la lettura di “Acciaio? ho avuto la netta sensazione di conoscere ormai benissimo Piombino e l'industria Lucchini. Finita la lettura di “Marina Bellezza? ho la sensazione di conoscere il biellese, Piedicavallo, i monti e le colline. Silvia Avallone non è avida di particolari nel descriverci questi paesaggi. Anche la zona industriale diventa scenografia e come tale va descritta per lasciare che il lettore vi si immerga totalmente. Marina Bellezza e Andrea Caucino appartengono a questi monti e a questi paesi, al punto che quasi ti pare di sentirne la parlata nei discorsi diretti del libro.

E' un libro che mi sento di consigliare. C'è l'universalità della storia d'amore tra una apparente stronza (apparente, ho detto!) e un ragazzo che fa gli sberleffi ai tempi in cui viviamo. Ma accanto a questa universalità c'è molto della situazione di oggi dell'Italia che sicuramente non lascia il lettore indifferente.

CITAZIONI

"Ne aveva conosciute tante di donne, ma lei era stata un'altra cosa. Lei era stata quel genere di cosa per cui arrivi a pensare che un giorno potresti sposarla e guardarla invecchiare sull'altro lato del letto."

"E con lui entrò nella stalla. Il luogo più originario della storia dell'uomo. Entrarci significava comprendere la vera differenza tra il niente e il tutto, tornare all'inizio dell'inizio."

"Chiunque nasca tra le ripe del torrente, senza volerlo, ne assorbe il silenzio, l'immobilità, l'abbandono. Chiunque, come Marina Bellezza, sia cresciuta tra Andorno e Piedicavallo, in una stretta fessura scavata tra le rocce, isolata dal resto del mondo, fa propria quella chiusura, che è innanzitutto una radice, e poi una forma di difesa, e infine un'abitudine a resistere in qualsiasi circostanza; ad adattarsi all'imperfezione della vita."


 

avalloneCenni sull'autrice: Silvia Avallone è nata a Biella nel 1984, si è laureata in Filosofia presso l'Università di Bologna. Sue poesie e racconti sono apparsi su 'ClanDestino' e 'Nuovi Argomenti'. Ha pubblicato la raccolta di poesie ‘Il libro dei vent'anni’ (Edizioni della Meridiana, Firenze 2007), vincitrice del premio Alfonso Gatto per l’opera prima. Per Repley’s Film ha scritto "Un'attrice e le sue donne" su Anna Magnani (2008). Nel 2010 è uscito il suo romanzo di esordio, Acciaio, edito da Rizzoli con il quale vince il Premio Campiello Opera Prima. Nel 2013 ha scritto il secondo romanzo, Marina Bellezza.

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto
  1. News
  2. Editoriale
  3. Rubriche
  4. Interviste
  5. Recensioni

Best sellers Italia …

Buona settimana con Youbookers! La Book Parade di oggi ci accompagna in Francia a curiosare tra le novità! Buona visione...

Intervista a Diego D…

In occasione della manifestazione letteraria "La Bellezza delle Parole", tenuta a Cesena, città nella quale vivo e lavor...

Il mondo di Mavros d…

Titolo: Il mondo di Mavros Autore: Alexia Bianchini Edizione: 2014 Prezzo di copertina E-book: 2,05 € Numero di pagi...

La Terra del Sacerdo…

Titolo: La Terra del Sacerdote Autore: Paolo Piccirillo Casa Editrice: Neri Pozza Pagine: 232 Prezzo:...

Masterpiece: tante s…

  “L’Italia è un paese di scrittori? dice De Cataldo e ne è la prova il numero di opere di aspiranti autori  ...

Libri Mai Mai Visti …

Un piccolo paese di provincia: Russi, nelle vicinanze di Ravenna. Luogo conosciuto per lo più grazie alla festa popol...

Il mio libro: una co…

Secondo le più recenti statistiche promosse dall’AIE (Associazione Italiana Editori), nei primi mesi del 2014 i lettori ...

Un anno di libri, me…

Con questo articolo i membri della redazione di Youbookers risponderanno ad alcune semplici domande riguardo le letture ...

Carta&Pellicola …

Per capire come Ian Fleming sia riuscito a concepire l’agente segreto più celebre del mondo, basta leggere la sua biogra...

Best Sellers USA – 3…

Il New York Times stila settimanalmente l’elenco dei libri più venduti della settimana sia per la narrativa che per la s...

Best Sellers USA/Ita…

Il New York Times stila settimanalmente l’elenco dei libri più venduti della settimana sia per la narrativa che per la s...

Best sellers USA/Ita…

Il New York Times stila settimanalmente l’elenco dei libri più venduti sia per la narrativa che per la saggistica. Per ...

Youbookers intervist…

Questa sezione viene inaugurata con una preziosa intervista alla talentuosa Fantasvale. In futuro ci saranno incontri c...

Youbookers intervist…

Sara Boero, giovane scrittrice genovese, ha esordito nel mondo della letteratura italiana a soli sedici an...

Intervista a Daniela…

Daniela Frongia, 32 anni, cagliaritana, vive a Londra da tre anni. Appassionata di disegno dall’età di 4 anni, crescendo...

Youbookers incontra …

    Passare davanti a una libreria, vedere che è in programma un incontro con uno dei propri autori prefer...

Video recensione - …

Qui di seguito trovate alcune video-recensioni del romanzo "Dance dance dance" di Haruki Murakami, registrate da Libridi...

Angel - Anne Rice

"Posso vedere quegli anni con la stessa chiarezza con cui vedo questo momento. Tu passerai da tempo naturale a tempo nat...

"La vendetta de…

Qui di seguito trovate una video-recensione del romanzo "La vendetta del diavolo" di Joe Hill, registrata da Andrea Pe...

Io sono Febbraio - S…

    Titolo: Io sono Febbraio Autore: Shane Jones Prezzo di copertina: 13,50 € Numero di pagine: 176 Ed...

Seguiteci su

L'hai letto questo?

Chi siamo

I più letti

I più recenti