Menu
Premio Strega 2013 "Mandami tanta vita"

Premio Strega 2013 "Mandami ta…

            Quarto appuntamento in compagnia de...

"Diario di Hiroshima" di Michihiko Hachiya

"Diario di Hiroshima" di …

Titolo: Diario di Hiroshima Autore: Michihiko Hachiya Edizione: 2009 Prezzo di cop...

Qui si Skyappa #4 - Intervista a Pierpaolo Vettori

Qui si Skyappa #4 - Intervista a Pi…

Nuovo appuntamento con "Qui si Skyappa", la rubrica dedicata alle chiacchierate lette...

Best sellers: Italia/Spagna 17.02.14

Best sellers: Italia/Spagna 17.02.1…

Buon lunedì! Inizia una nuova settimana nella programmazione di Youbookers! Come semp...

I classici poco sexy - I Granchi dell'Editoria #11

I classici poco sexy - I Granchi de…

Cosa c'è che non va nei classici fuori commercio? Cosa hanno fatto di male, per non m...

In arte... Valentina

In arte... Valentina

Per ricordare Guido Crepax, a dieci anni dalla scomparsa, il suo personaggi...

Prev Next

Carta&Pellicola "Speciale Cile" In evidenza

postino

 

 

Nostalgia e Malinconia.

Due sentimenti antichi, che affondano le radici in un passato atavico e che hanno caratterizzato le due facce della storia di Mario Jimenèz, il postino di Neruda, che ha incantato i lettori di Antonio Skàrmeta e commosso gli spettatori di Massimo Troisi.

 

 

 

 

 

postino

 

Nostalgia e Malinconia.

Due sentimenti antichi, che affondano le radici in un passato atavico e che hanno caratterizzato le due facce della storia di Mario Jimenèz, il postino di Neruda, che ha incantato i lettori di Antonio Skàrmeta e commosso gli spettatori di Massimo Troisi.

In questo appuntamento di Carta&Pellicola, che si inserisce nel nostro “Speciale Cile?, confronteremo quindi “Il postino di Neruda? di Antonio Skarmèta, edito da Einaudi, e “Il postino? diretto da Michael Radford ed interpretato da un indimenticabile Massimo Troisi.

In realtà, nonostante una serie di articoli o post di approfondimento che si possono reperire online, le differenze tra le due versioni sono praticamente inesistenti, se non fosse per il finale e quel sentimento che, visione del film e lettura del romanzo, lasciano in eredità al lettore e allo spettatore.

Si fa fatica, infatti, a separare l’immagine del postino Mario con quella di Troisi e questo non avviene perché la visione del film ha condizionato la lettura o viceversa, ma per il semplice fatto che la gestualità, lo sguardo e dialettica di quel figlio di pescatori, nato in una lingua di terra ai confini del mondo, sono quelli di quel Massimo Troisi che abbiamo imparato a conoscere negli anni.

Troisi quindi si sarà forse riconosciuto in quell’uomo che si sfregava le guance mentre pensava, che si impietriva al cospetto della bellezza della sua Beatriz e che con sguardo attento andava in cerca di quelle “metafore? delle quali parla il suo poeta.

postino

Troisi, che morirà 12 ore dopo la fine delle riprese, avrà forse visto nel nostalgico racconto di Skàrmeta quello scintillio e quella vita che lo stavano abbandonando.

Il racconto di Skàrmeta, infatti, è un inno alla suo terra, al suo Cile, che solo oggi, a distanza di 40 anni, è forse riuscita a metabolizzare la ferita che l’assassinio di Salvator Allende e il golpe di Pinochet hanno inciso nella memoria dei suoi abitanti.

Skàrmeta sceglie quindi di cantare la sua terra attraverso le parole del suo Vate, il suo figlio più illustre, che viene accostato ed avvicinato alla spiazzante ingenuità e all’atavica saggezza dei suoi abitanti.

Il finale di Skàrmeta, quindi, non può che essere un finale nostalgico. E’ un finale amaro, aperto, dove regna un alone di non detto e la nostalgia di tempi che non torneranno più. E’ l’unica conclusione che un figlio del Cile, ormai lontano dalla sua terra d’origine, può utilizzare per concludere il suo nostalgico e disperato canto.

La conclusione del film, invece, lascia allo spettatore un altro sentimento.

La nostalgia di Skàrmeta, infatti, diventa malinconia, la stessa che ritroviamo negli occhi di Troisi, nei suoi ultimi gesti e in quelle ultime parole e strazianti parole che Mario consegna al suo poeta.

La grande epopea della storia cilena quindi viene qui utilizzata come metafora della vita stessa, che si muove fra delusioni, apparenti atti rivoluzionari, gioie incontenibili e un dolore paralizzante.

Una vita che si fa fatica a lasciare andare e che forse solo una leggere e delicata metafora riesce ad addolcire.

 

http://www.youtube.com/watch?v=el7NMkBZeaM

 

a cura di Diana

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto
  1. News
  2. Editoriale
  3. Rubriche
  4. Interviste
  5. Recensioni

"Due partite…

Beatrice. Claudia. Gabriella. Sofia. Quattro donne. Gli anni Sessanta. Un salotto. E la condivisione del tempo, del gi...

Best sellers Italia …

Buona settimana con Youbookers! La Book Parade di oggi ci accompagna in Francia a curiosare tra le novità! Buona visione...

Intervista a Diego D…

In occasione della manifestazione letteraria "La Bellezza delle Parole", tenuta a Cesena, città nella quale vivo e lavor...

Il mondo di Mavros d…

Titolo: Il mondo di Mavros Autore: Alexia Bianchini Edizione: 2014 Prezzo di copertina E-book: 2,05 € Numero di pagi...

Giornata della memor…

Il 27 Gennaio 1945 le truppe sovietiche liberarono il campo di concentramento di Auschwitz, questa data passata alla sto...

Il mio libro: una co…

Secondo le più recenti statistiche promosse dall’AIE (Associazione Italiana Editori), nei primi mesi del 2014 i lettori ...

Il piccolo lettore c…

Dita piccole, paffute e impacciate. Dita sporche di cioccolato, chè anche se la mamma ti ha detto di lavarle, come al ...

La casa per bambini …

Pare che finalmente sia ufficiale una data di uscita nelle sale del film diretto da Tim Burton tratto dal libro "La casa...

Carta&Pellicola …

Per capire come Ian Fleming sia riuscito a concepire l’agente segreto più celebre del mondo, basta leggere la sua biogra...

Best Sellers USA – 3…

Il New York Times stila settimanalmente l’elenco dei libri più venduti della settimana sia per la narrativa che per la s...

Best Sellers USA/Ita…

Il New York Times stila settimanalmente l’elenco dei libri più venduti della settimana sia per la narrativa che per la s...

Best sellers USA/Ita…

Il New York Times stila settimanalmente l’elenco dei libri più venduti sia per la narrativa che per la saggistica. Per ...

Youbookers intervist…

Questa sezione viene inaugurata con una preziosa intervista alla talentuosa Fantasvale. In futuro ci saranno incontri c...

Youbookers intervist…

Sara Boero, giovane scrittrice genovese, ha esordito nel mondo della letteratura italiana a soli sedici an...

Intervista a Daniela…

Daniela Frongia, 32 anni, cagliaritana, vive a Londra da tre anni. Appassionata di disegno dall’età di 4 anni, crescendo...

Youbookers incontra …

    Passare davanti a una libreria, vedere che è in programma un incontro con uno dei propri autori prefer...

Video recensione - …

Qui di seguito trovate alcune video-recensioni del romanzo "Dance dance dance" di Haruki Murakami, registrate da Libridi...

Angel - Anne Rice

"Posso vedere quegli anni con la stessa chiarezza con cui vedo questo momento. Tu passerai da tempo naturale a tempo nat...

"La vendetta de…

Qui di seguito trovate una video-recensione del romanzo "La vendetta del diavolo" di Joe Hill, registrata da Andrea Pe...

Io sono Febbraio - S…

    Titolo: Io sono Febbraio Autore: Shane Jones Prezzo di copertina: 13,50 € Numero di pagine: 176 Ed...

Seguiteci su

L'hai letto questo?

Chi siamo

I più letti

I più recenti