Menu
Vincitori Premio Nabokov 2012

Vincitori Premio Nabokov 2012

Legato al prestigioso Premio Nabokov come sezione dedicata agli eBook, rivolto a tu...

Qui si skyappa #23 Intervista a Maurizio De Giovanni

Qui si skyappa #23 Intervista a Mau…

  Eleonora e Andrea hanno intervistato Maurizio De Giovanni, autore di Vipera...

Best Sellers - Germania/Italia

Best Sellers - Germania/Italia

Ambarabà ciccì coccò treccivette sul comò che..ebbene si! bentornati alla r...

Nuova collana LAMPI: grandi idee in formato portatile

Nuova collana LAMPI: grandi idee in…

Lampi è la nuova collana di Elliot Edizioni che propone testi brevi di grandi...

Best sellers Italia vs Germania 19.5.14

Best sellers Italia vs Germania 19.…

Buona settimana dalla redazione di Youbookers! Oggi la Book Parade è a cura di Zumboo...

Youbookers intervista Matteo Marchesini

Youbookers intervista Matteo Marche…

La redazione di Youbookers continua a proporvi interviste a grandi penne. Oggi è i...

Qui si Skyappa #4 - Intervista a Pierpaolo Vettori

Qui si Skyappa #4 - Intervista a Pi…

Nuovo appuntamento con "Qui si Skyappa", la rubrica dedicata alle chiacchierate lette...

Sensazioni quotidiane - HorrorVille #3

Sensazioni quotidiane - HorrorVille…

Benvenuti nella seconda puntata di HorrorVille! Oggi supplemento concettuale legato a...

Prev Next

I granchi dell'editoria #6- Le case editrici e i grandi classici

  • Scritto da 

granchiUno dei lavori che apprezzo di più delle case editrici è quello di ridare nuova linfa ai classici. No, non parlo semplicemente di cambiargli la copertina o rivenderli a prezzi minori. Sto parlando dell'immane lavoro che c'è dietro alla rivitalizzazione dell'opera di uno scrittore che ha vissuto in altre epoche, ormai lontane dalla nostra.

Tradurre nuovamente un classico è un'impresa difficile. Riadattare un testo come Moby Dick per renderlo fruibile ai lettori del nostro tempo non è qualcosa a cui assistiamo tutti i giorni. La più recente credo sia QUESTA della UTET. Io possiedo quella di Cesarina Minoli del 1986 ma ammetto di voler recuperare la traduzione di Pavese del 1932. L'impresa di leggere il gigante della letteratura potrebbe così risultare ancora più ostica ma se non altro affascinante. È lo stesso Pavese, traduttore del capolavoro di Mellville, a dire: "Tradurre Moby Dick è mettersi al corrente con i tempi". Ma quale traduzione di un grande classico non lo è? Non a caso la nuova collana di rilancio dei classici lanciata dall'Einaudi, si chiama proprio "Le grandi traduzioni".

Dopo aver già citato la rivisitazione dell'opera di Fitzgerald per mano della minimum fax (anche la Mattioli si è recentemente occupata di lui, pubblicando Trimalchio, prima versione inedita de Il grande Gatsby), passiamo ad una nuova riscoperta: Dostoevskij.

Emanuela Guercetti infatti ha creato la nuova traduzione di uno dei miei libri preferiti: Delitto e Castigo. Dalla stesura del romanzo ormai ci separano quasi centocinquant'anni (è stato scritto nel 1865). Non ho potuto resistere e l'ho acquistata in ebook ad un prezzo più che conveniente. Quest'operazione è stata senza dubbio uno stimolo per una rilettura che meditavo di fare da tempo. Lessi Delitto e Castigo a sedici anni e ne rimasi incantata. È stato forse il mio primo amore letterario, ciò che mi ha spinto ad andare in libreria il giorno dopo e ad acquistare quasi la metà dei libri dello scrittore russo. Del romanzo possiedo una comodissima edizione Garzanti divisa in due volumi (ricordate cosa dicevo QUI riguardo il giovamento tratto dal mio povero naso grazie alle edizioni separate di libri elefantiaci?), tradotta da Giorgio Kraiski nel 1969.

Ora naturalmente non voglio dire che una traduzione vecchia sia necessariamente peggiore di una nuova. Ovviamente varia da caso a caso. Ma ritengo necessaria una rivisitazione dei classici, magari fatta dallo stesso autore (Pavese stesso corresse la sua nel 1941). La letteratura va nutrita. Un classico deve necessariamente essere riadattato al linguaggio corrente (senza per questo impoverirlo!) se non vogliamo correre il rischio di perderlo.

taleHo avuto la sfortunata idea di comprare un'edizione de Le due città di Dickens con una traduzione incomprensibile che mi ha fatto desistere dal continuarne la lettura più e più volte. Ecco, un breve passaggio per farvi capire di cosa sto parlando:

«In Inghilterra v'era appena tanto ordine e sicurezza che se ne potesse tenere l'amor proprio nazionale. Audaci depredazioni da parte di uomini armati e grassazioni da strada maestra avvenivano ogni notte nella stessa capitale: si avvertivano pubblicamente le famiglie di non abbandonar mai la città senza portare per precauzione i mobili nei magazzini del mobiliere; il grassatore notturno era di giorno un bravo cittadino, che freddava senz'altro con una palla in fronte, dando poi di sprone al cavallo, il compagno di mestiere da lui fermato che lo aveva riconosciuto chiamandolo a nome: la diligenza era assaltata da sette masnadieri, e il conduttore ne uccideva tre: ma poi era anche lui ucciso dagli altri quattro, «perchè non aveva più munizioni», e quindi la diligenza era tranquillamente svaligiata: quel gran potentato, che era il capo della città di Londra, era fatto fermare e depredato a Turnham Green da un unico grassatore, che spogliava l'insigne personaggio in presenza di tutta la sua scorta».

E questo è solo l'inizio. Ci ritroviamo davanti ad espressioni come "passo feltrato" per non parlare delle innumerevoli proposizioni relative costruite alla latina che rendono il periodo pesante e, di nuovo, poco comprensibile.

Come potete ben capire, il problema è la lingua italiana, non l'originale di Dickens. Ecco perché un classico va ritradotto. Con buona pace di Silvio Spaventa Filippi (nato nel 1871!) che sarà stato un campione di traduzione del suo tempo, oltre che giornalista e scrittore. Ma non è forse fare un torto a Dickens e ai lettori offrire un classico con una traduzione non accessibile a tutti?

Riportare in luce il lavoro di un artista, rinnovarlo, non farlo morire è un indispensabile lavoro culturale. Una casa editrice non investe solo sul futuro ma anche sul passato.  

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto
  1. News
  2. Editoriale
  3. Rubriche
  4. Interviste
  5. Recensioni

"Due partite…

Beatrice. Claudia. Gabriella. Sofia. Quattro donne. Gli anni Sessanta. Un salotto. E la condivisione del tempo, del gi...

Best sellers Italia …

Buona settimana con Youbookers! La Book Parade di oggi ci accompagna in Francia a curiosare tra le novità! Buona visione...

Intervista a Diego D…

In occasione della manifestazione letteraria "La Bellezza delle Parole", tenuta a Cesena, città nella quale vivo e lavor...

Il mondo di Mavros d…

Titolo: Il mondo di Mavros Autore: Alexia Bianchini Edizione: 2014 Prezzo di copertina E-book: 2,05 € Numero di pagi...

Perchè regalare un l…

Primo dicembre. La giostra natalizia si è accesa già da un po'. Si accende sempre prima, se consideriamo che gli ipermer...

Il piccolo lettore c…

Dita piccole, paffute e impacciate. Dita sporche di cioccolato, chè anche se la mamma ti ha detto di lavarle, come al ...

Masterpiece: tante s…

  “L’Italia è un paese di scrittori? dice De Cataldo e ne è la prova il numero di opere di aspiranti autori  ...

Speciale Nobel della…

Per la prima volta vince il premio Nobel per la letteratura un'autrice canadese: Alice Munro. Questa assegnazione attira...

Carta&Pellicola …

Per capire come Ian Fleming sia riuscito a concepire l’agente segreto più celebre del mondo, basta leggere la sua biogra...

Best Sellers USA – 3…

Il New York Times stila settimanalmente l’elenco dei libri più venduti della settimana sia per la narrativa che per la s...

Best Sellers USA/Ita…

Il New York Times stila settimanalmente l’elenco dei libri più venduti della settimana sia per la narrativa che per la s...

Best sellers USA/Ita…

Il New York Times stila settimanalmente l’elenco dei libri più venduti sia per la narrativa che per la saggistica. Per ...

Youbookers intervist…

Questa sezione viene inaugurata con una preziosa intervista alla talentuosa Fantasvale. In futuro ci saranno incontri c...

Youbookers intervist…

Sara Boero, giovane scrittrice genovese, ha esordito nel mondo della letteratura italiana a soli sedici an...

Intervista a Daniela…

Daniela Frongia, 32 anni, cagliaritana, vive a Londra da tre anni. Appassionata di disegno dall’età di 4 anni, crescendo...

Youbookers incontra …

    Passare davanti a una libreria, vedere che è in programma un incontro con uno dei propri autori prefer...

Video recensione - …

Qui di seguito trovate alcune video-recensioni del romanzo "Dance dance dance" di Haruki Murakami, registrate da Libridi...

Angel - Anne Rice

"Posso vedere quegli anni con la stessa chiarezza con cui vedo questo momento. Tu passerai da tempo naturale a tempo nat...

"La vendetta de…

Qui di seguito trovate una video-recensione del romanzo "La vendetta del diavolo" di Joe Hill, registrata da Andrea Pe...

Io sono Febbraio - S…

    Titolo: Io sono Febbraio Autore: Shane Jones Prezzo di copertina: 13,50 € Numero di pagine: 176 Ed...

Seguiteci su

L'hai letto questo?

Chi siamo

I più letti

I più recenti